UNA MAMMA , ORMAI NONNA, DESCRIVE PRIMA LA NUORA , POI (2^ PARTE) IL FIGLIO, MARITO FATTO FESSO

Pubblichiamo la terza "poesia ", scritta in dialetto abruzzese dalla maestra in pensione Mara Seccia. Anche questa richiede e si presta ad essere divisa in due parti. La prima descrive una nuora moderna , post 2000. La seconda, che pubblicheremo fra qualche giorno , parla , invece, di un figlio giovane marito fatto fesso da una moglie che rispetta le "nuove esigenze di vita". Ci verrebbe spontaneo esprimere qualche riflessione sul rapporto possibile fra quanto descritto da una , ormai , "nonna" e i tempi critici che stiamo vivendo.

 Gli aspetti della riflessione potrebbero essere due, ma anche di più. Il primo sulla evoluzione del femminile e sugli effetti di ordine economico e socio politico che ha prodotto; il secondo sulla"involuzione" del genere maschile che non possiamo negare ( basta guardare le trasmissioni televisive) . Non lo facciamo volutamente per affidarne l' incarico ai lettori, i quali sono invitati a spedirli a questo indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. . Saranno tutti pubblicati senza tagli. ( N.d.D.)

VANESSA, LA MIA NUORA 

La nôr' amì nin tê pace.Va currenne spatillate
          La mia nuora non ha pace. Va correndo senza posa
fra buste, borse e centro commerciale.
          fra le buste, le borse e i Centri Commerciali,
Esce da Ipercoppe e si ficche a Megalò.
          esce da Ipercoop e si infila a Megalò.
Nin te' colpe, mò cuscì s'ause.
          Non ha colpa , adesso si usa così.
A li timb'amì soltante la puticucce di Mariette
          Ai miei tempi di gioventù c'era solo la botteguccia
ce stateje, ce facive 'na spisette,
          di Marietta, ci si faceva una spesetta,
n'ette di murtatelle, 'na cartanne di sardelle,
          un etto di mortadella, un cartoccio di sardine,
'na chiacchiarijate e te n'arijve a la case.
          una chiacchierata e te ne tornavi a casa.
Ogge lu monne scappe, va avante,
          Oggi il mondo corre, va avanti,
la femmene fa l'ommene e l'ommene fa la femmene.
          la donna fà l' uomo e l'uomo fà la donna.
Pegge di la parità. Nôreme a lu parchegge va 'nnanze
          Peggio della parità. Mia nuora nel parcheggio va avanti,
nche la malbore appicciate, lu fij'amì arrete, rassignate,
          con la sigaretta Malboro accesa, mio figlio dietro, come un cagnolino,
e gne 'nu cacciunelle vusse lu carrelle.
          e rassegnato, spinge il carrello.
N'adà jttà di passe! E tutte te surpasse...
          Ne deve fare di passi ! E tutti ti sorpassano ...
Mò ce le friche a maritem'amì! Sa che mi dice?
          Mio marito non ce lo freghi ! Sai che mi dice ?
"Te le sugne ca vinghe arrete a te a vussà li carrille,
          Te lo sogni che ti vengo dietro a spingere il carrello,
jì nin so' 'nu chiachijlle!" Ah, se 'sta Vanesse nin ze scalmanesse
          io non sono un inserviente! Ah, se questa Vanessa non si agitasse troppo
la famije vivesse cchiù tranquille
          la famiglia vivrebbe più serena
senza calmante e senza li midiche di li nirve!
          senza tranquillanti e senza neurologhi !
Si diceje ca la mamme è 'nu done di lu ciele
          Si diceva, una volta, che la mamma è un dono del cielo
queste di mò è 'nu tone di lu ciele,
          queste di adesso sono un tuono dal cielo,
'nu sillustre, 'nu timpurale, 'na finazione!
          un lampo, un temporale, un finimondo!
Vive nghe la recchie a lu cillulare,
          Vive con un' orecchio al cellulare,
n'ucchie a lu rillogge e n'atre a lu calindarie.
          un occhio all' orologio e un altro al calendario.
Propie a me che so' tanta bbone e primurose
          Proprio a me che sono tanto buona e premurosa
me tineja capità 'sta nôra prisintose!
          doveva capitare questa nuora presuntuosa
Vanesse s'aggiuste tutte coma vô esse.
          Vanessa si aggiusta tutto come vuole lei.
Sistimate li piccirille da la nonne
          Sistemato il piccolo dalla nonna,
che so' jì e nin ce la facce cchiù povera donne,
          che sono io, e non ce la faccio più. Povera donna,
o tonne tonne a li varie scole, di colpe pije lu vole,
          intorno alle varie scuole, di colpo prende il volo,
fa li maggije, lu tempe se l'aggiuste a miravije.
          fa le magie, il tempo se lo aggiusta a meraviglia.
Pe' essere a la mode a ogne sacrifice arsiste.
          Per essere alla moda sopporta ogni sacrificio.
S'à pirsingate, s'à tatuaggiate, s'à pittinate nche la creste
          Ha messo le "pinzette", il tatuaggio e si pettina con la cresta
mi fa 'mprissione, quande l'aguarde nin me sente bbone.
          mi fa impressione, quando la guardo mi sento male.
Dice ca l'ammaggine è 'mpurtante,
          dice che l' apparenza è importante,
adà parè 'nu schiante! Ma quelle che m'ammaggine jì
          deve sembrare uno schianto! Ma quello che io immagino
è mije che nin ve le facce sintì
          è meglio che non ve lo faccio sentire.
Le 'honne strane, vrijllate, spizzilijate,

          Le gonne strane, di tanti colori diversi, spizzillate,
lu ginz stracciate, li tacche chiù alte di esse,
          il pantalone gins strappato, i tacchi più altri di lei,
Gisù, pirdunime, quanta vulesse che caschesse.
          Gesù perdonami, quanto vorrei che cadesse.
La majette che je s'à 'rtirate, la schina nute,
          Porta la maglietta ristretta, la schiena nuda,
la minihonne da 'nu fazzulette artajate.
          la minigonna ritagliata da un fazzoletto.
Jì nin ce capisce cchiù ninte, è 'na vrivogne,
          Io non ci capisco più niente, è una vergogna,
tutte da fore, e pinzà ca jì ere 'nu fiore, 'nu sogne!
          tutta scoperta, e pensare che io ero un fiore, un sogno!
La mamme di 'na vôte ere decorose,ben coperte...suttane, reggipette,
          La mamma di una volta era decorosa . ben coperta....sottana e reggiseno,
una mutanna dignitose, di percalle,
          una mutanda dignitosa , di cotone,
fatte in case che t'arriveje quase a le spalle.
          fatta in casa che ti saliva quasi fino alle spalle.
Che s'adà vidè! Maritem'amì m'avess'accise,
          Che si deve vedere ! Mio marito mi avrebbe uccisa,
l'ummene di mò ne so' cuntinti, che scì 'mbise!
          Gli uomini di adesso, che siano appesi ! ne sono contenti !
Li marite mudirne fanne li sapute ma so' tutte...
          I mariti moderni si atteggiano a saccenti, ma sono tutti...
Scì, propie 'ssa parole c'avete pinzate,
          Si , proprio la parola che avete pensato,
jì 'n zo' parlate, so' troppe educate!
          io non l'ho detta, sono troppo educata.!