LA MAMMA - NONNA, (2^ PARTE) DOPO LA NUORA DESCRIVE IL FIGLIO, MARITO NEGLI ANNI 2000.

Ovviamente, senza offesa per i giovani mariti del 2000, la descrizione "poetica " che ne fa la maestra Seccia ci sembra la fotografia di una realtà diffusa , anche se non totalizzante, che sta sotto gli occhi di tutti. I poeti , in genere, sono portati anche a "fantastificare "certe realtà , ma l' immagine che si analizza è concreta, anche se diversificabile a seconda della rispettiva origine e dei contenuti. Questi , però, non sono conoscibili né criticabili.
La funzione culturale di "INTERVENTI" resta comunque quella di non far dimenticare la poeticità del nostro vernacolo.
AUGURI di buone feste di fine anno A TUTTI , ma ancor più , agli eventuali mariti "fatti fessi" . Speriamo che il 2015 sia migliore soprattutto  per chi ne ha più bisogno.

 POVERO FIGLIO MIO!

Povere fij'amì, che Dije je desse curagge, jì preghe.
          Povero figlio mio, io prego Dio che gli desse coraggio.
Sta nire nire, sempre a ffa' li ggire.
          Sta nero –nero, sempre a girare.
Pure esse di corse, coma fusse su 'na giostre.
          Anche lui di corsa , come se stesse su una giostra.
Nin tê scampe, ma vô sta calme. Abbozze.
          Non ha scampo, ma ha deciso di stare calmo. Sopporta.
'Nu giovene d'ore! Allivate gne 'nu giujelle,
          Un giovane d' oro! Cresciuto come un gioiello,
nche 'na mamme che "lo serviva" coma fusse 'nu rre,
          con la mamma che lo serviva come fosse un re,
nní je faceje alzà 'nu dite, povera stelle,
          non gli facevo alzare un dito, povera stella,
ogne desiderie ere subbite 'saudite e mò sta 'saurite!
          ogni desiderio era accontentato ma ora si è esaurito!
"Che vû mammà, ocche ti frije ddù ove?"
          "Figlio mio che vuoi, ti devo friggere due uova?"
Chi je le dice cchiù 'ste bbelle parole..la fatije l'inchiove.
          Chi gli dice più queste belle parole...il lavoro lo inchioda.
A la discoteche l'à sguntrate, pozza j sperse chi l'à 'mmintate.
          L' ha conosciuta in discoteca, che possa andare disperso chi l' ha
          inventata.
Ca ere svelte, ca balleje lu merengue,
          Dice che era svelta e che ballava il merengue,
chi puteje pinzà ca teneje 'ssa lengue!
          Chi poteva pensare che teneva una tale loquacità!
"Lu fij'amì, tu putive esse' tante filice!
          Figlio mio , potevi essere tanto felice!
Jì l'aveje capite ca la ragazz ere 'na ''uappe
          Io l' avevo capito che la ragazza era un "svelta"
e che su la vocche ti ce mitteje 'nu bbelle tappe...
          e che sulla bocca ti avrebbe messo un bel tappo...
La pianete t'aveje 'nduvinate, t'aveje 'vvisate:
          Avevo intuito il tuo oroscopo, e ti avevo avvisato:
attenziona, chissì 'n te le 'n-gullà. Nin mi sî vulute addusulà...
          attenzione , quella lì non te la caricare addosso. Non mi hai voluto ascoltare...
T'avisse spusate la fije di Carminelle,
          Se avessi sposato la figlia di Carminella,
che nin va pe' li discoteche a smove le gonnelle!
          che non va in discoteca a muovere la gonnella!
'Nciavaje 'nu ccune a parlà
          SI intreccia un po' a parlare
ma s'avesse state zitte e t'avesse fatte campà.
           ma sarebbe stata zitta e ti avrebbe f atto vivere.
Ah, Vanesse, Vanesse, pareje 'na santarelle e t'à pijate pe' fesse!
           Ah , Vanessa, Vanessa, sembrava una santarella ma ti ha fatto fesso!
À 'bbijate ca sugneje l'amore, dapù à vulute la machine, lu brillante
          Ha cominciato che sognava l' amore, ma dopo ha voluto la macchina, il
          brillante, ed altro,
picchè le cumpagne le tineje tutte quante
           perché sono cose che tengono tutte le compagne
e le vistite firmate da une tante carastose,
          e i vestiti firmati da uno molto esoso
'nu certe Prade, jì nní cunosce ma le pijesse a pritate!
          un certo Prade, non lo conosco ma lo prenderei a sassate!
Dapù ancore ha vulute il lidromassagge,
          Ancora dopo ha voluto l' idromassaggio,
mò vô quelle che assuche li rulle a 'ppart'arrete,
          adesso vuole lo strumento che asciuga i bigodini dietro la nuca,
mannagge, coma caspite se chiame!
          Oddio, come caspita si chiama!
Quelle che le femmine ci-armane,
          Quello che fa morire le donne,
la liposuzzione picchè adà cagnà il lucco
          la liposuzione perché deve cambiare aspetto
e tu, tisore di la mamme,sî 'rdutte a fa' lu cucco".
          E tu, tesoro di mamma, ti sei ridotto a fare l'inserviente babbeo

Mara Seccia