MARINO SOLFANELLI – EDITORE IN CHIETI- CI HA LASCIATO PER RAGGIUNGERE LE PRATERIE DEL CIELO

marinosolfanelliLa dipartita dell' amico Marino, nostro collaboratore, ha creato un vuoto culturale, unico nel suo genere, quindi difficile da riempire, anche se il figlio Marco ne ha ereditato l'impegno editoriale che sta svolgendo in maniera ottimale, rendendo onore al papà. Ma la figura poliedrica di Marino non appare semplice da imitare, basta leggere il messaggio che abbiamo ricevuto da Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. . Ci mancherà come amico sincero e onesto nonché collaboratore puntuale e perspicace nella interpretazione dei fenomeni socio-culturali e politici. Gli spediamo, idealmente , un forte abbraccio fraterno. (N.d.D)

Ecco come Marino ha diffuso cultura

"" Marino Solfanelli (Chieti, 17/09/1925 - 26/01/2014), è stato iscritto all'Albo dei Giornalisti dal 1957 (Tessera n. 60323) e ha ricevuto il 23 marzo 2002 una medaglia ricordo per i quarantacinque anni di iscrizione.
Dal 1955 al 1970 è stato Redattore Capo della Redazione di Chieti del quotidiano "Il Tempo". In tempi diversi ha collaborato con i quotidiani: "Il Corriere della Sera", "Il Gazzettino di Venezia", "Il Mattino di Napoli", "Il Secolo d'Italia", "Linea".
Esperto di Pubbliche Relazioni, Promozioni vendite, Ricerche di mercato, ha collaborato con Istituti di Ricerche, Fondi Comuni di Investimento, Assicurazioni. Negli anni Sessanta è stato consulente per le Pubbliche Relazioni della Marwin Gelber (già Camiceria Adriatica).
Esperto di editoria, nel 1961 ha fondato e diretto, sino al 1995, la Casa editrice Marino Solfanelli Editore, di rilevanza e prestigio nazionale. Successivamente ha collaborato con le Edizioni Tabula fati e Solfanelli del figlio Marco.
Ha fondato e diretto diversi periodici fra i quali "L'Alternativa" del Centro Studi Politici e Costituzionali del prof. Giacinto Auriti.
Per oltre cinquanta anni, è stato editore e direttore dell'Agenzia di informazione "ABRUZZOpress", che ha diffuso — per le pubblicazioni abruzzesi sparse nel mondo — notizie di attualità, politica, cultura e tradizioni popolari della regione.
Ha pubblicato la silloge poetica "Lu ciòcchele", la raccolta di racconti "I racconti del cavolo" e un racconto lungo "Un amore nella bufera", più volte ristampati. ""