I COMPLOTTI SONO UBIQUITARI – QUELLI POLITICI HANNO INQUINATO IL MONDO

Speriamo che Obama e Berlusconi non si "complòttino" a vicenda. Intanto Obama ha qualche problema per presunti intrighi su quanto accaduto nel Consolato USA a Bengasi in Egitto. Sembra, però, che l' obiettivo non sia lui ma la Hillary Clinton che vorrebbe prendere il suo posto nel 2016. Intanto per ordire intrighi e difendersi da essi tutti dimenticano di risolvere i problemi di salari minimi e paritari, di immigrazione, di lavoro e disoccupazione, di debito e deficit, di TARI, TASI e IMU. Domenico Maceri, dalla California , ci aggiorna su come si "combattono " repubblicani e democratici. In Italia, invece , non si riesce a contare i "guerreggianti" per le Regioni e l' Europa perché gli aspiranti sono cresciuti a dismisura..

 Una nuova inchiesta tutta politica su Bengasi

"È una teoria del complotto in cerca di complotti". Ecco come Jay Carney, il portavoce della Casa Bianca, ha spiegato ai giornalisti il recente voto della Camera di creare una nuova commissione per investigare l'assalto al consolato statunitense a Bengasi il settembre scorso. Come si sa, in quella tragedia quattro americani hanno perso la vita, tra i quali anche Chris Stevens, l'ambasciatore in Libia.
Il voto alla Camera principalmente con supporto repubblicano ha nominato una commissione di dodici parlamentari, sette dei quali saranno del partito di maggioranza e cinque dei democratici. Nancy Pelosi, leader della minoranza alla Camera, non ha ancora deciso se darà l'approvazione ai parlamentari democratici di partecipare
Si tratta dell'ottava inchiesta sulla questione. La più nuova è emersa da una mail venuta alla luce nella quale i repubblicani credono di potere provare che la Casa Bianca aveva coperto le inefficienze della gestione sulla crisi di Bengasi. In sintesi i repubblicani credono che l'allora ambasciatrice alle Nazioni Unite, Susan Rice, aveva cercato di sviare i fatti dicendo che l'assalto era stato causato da reazioni nel mondo musulmano a un film satirico su Maometto. Quindi i repubblicani credono che l'amministrazione della Casa Bianca aveva cercato di coprire le sue tracce per allontanare il discorso di avere fallito di proteggere le vittime americane.
Il presidente della commissione sarà Trey Gowdey, parlamentare della South Carolina, il quale cercherà di fare dimenticare il suo predecessore, Darrel Issa. Issa, parlamentare della California del Sud, aveva presieduto ad una altra commissione per investigare l'assalto a Bengasi.
La Pelosi ha etichettato Issa "merce danneggiata" e forse per i suoi abusi nelle udienze, John Boehner, speaker della Camera, ha deciso di metterlo da parte, nominando Gowdy, una faccia nuova ed anche "obiettiva".
I democratici però non ci stanno. Fino al momento in cui stiamo scrivendo non si sa se faranno parte della nuova commissione. Il loro boicottaggio manderebbe un segnale fortissimo che la nuova commissione sarebbe una "kangaroo court", un tribunale fittizio. Insistendo su questa linea i democratici cercherebbero di togliere la legittimità alla commissione mediante la loro assenza.
Ma si tratta di un coltello a doppia lama perché se i democratici si assenteranno i sette membri del partito repubblicano avranno campo libero di inviare subpoena, richiesta di testimonianza di un teste, a chiunque essi vorranno senza che i democratici abbiano la possibilità di obiettare. Una strategia di Pelosi sarebbe di inviare solo un parlamentare democratico alla commissione specialmente per questo fatto di limitare gli individui chiamati a dare testimonianze.
Anche per i repubblicani la doppia lama emerge perché con l'assenza dei democratici nella commissione darebbero l'impressione di estremismo. Ma ciò poco importa al Gop perché in realtà la nuova commissione consiste di un altro tentativo di mantenere vivi gli assalti all'amministrazione di Obama. Dopo i quaranta e più voti alla Camera per abrogare Obamacare (assistenza sanitaria) sembra che Boehner e compagnia abbiano deciso di smettere con gli attacchi contro la riforma sulla sanità. Il loro silenzio su questa riforma, che è appena entrata in vigore, anche se non in tutti gli aspetti. si spiega in parte con i segnali di successo della. legge. Inoltre, in un'altra udienza sulla riforma alcuni amministratori delegati delle aziende di assicurazione hanno dichiarato che nonostante gli intoppi del sito internet governativo sull'assicurazione i loro profitti sono comunque promettenti.
Questo Congresso, a maggioranza repubblicana, è considerato uno dei meno produttivi nella storia americana per quanto riguarda il numero di leggi approvate. Invece di concentrarsi sulle questioni fondamentali come il salario minimo, la riforma sull'immigrazione, e un disegno di legge sui posti di lavoro i repubblicani alla Camera insistono a buttare fango sperando di raccogliere successo politico nelle prossime elezioni presidenziali, utilizzando la vicenda Bendasi .come messaggio chiarissimo a Hillary Clinton, segretario di Stato americano durante gli eventi in cui hanno perso la vita i quattro americani in Libia. Un messaggio con cui si anticipano altri assalti più feroci che la Clinton dovrà affrontare, se e quando diventerà candidato democratico per la corsa alla Casa Bianca nel 2016.