NEGLI USA I REPUBBLICANI NON VOGLIONO DARE ASSISTENZA SANITARIA AI MENO ABBIENTI

Pubblicando il nuovo articolo di Maceri sulla questione "Obamacare" , assistenza sanitaria negli USA , come avevamo promesso col precedente intervento del 26 scorso riteniamo di non dover fare alcun commento in aggiunta a quello espresso , appunto nel precedente., se non quello di ribadire che in Italia si sta meglio che in America .

 I successi di Obamacare non convincono tutti i democratici

"Questa cosa sta funzionando". Ecco come il presidente Barack Obama ha spiegato i recenti successi di Obamacare. Con più di otto milioni di iscritti all'Affordable Care Act, il nuovo sistema di assicurazione, il presidente ha voluto sottolineare che si sono passate le previsioni di individui con copertura sanitaria. Anche la percentuale di americani senza assicurazione è scesa dal 18% dell'anno scorso all'attuale15%. Inoltre il Congressional Budget Office ha calcolato che Obamacare ridurrà il deficit federale di cento miliardi di dollari nel prossimo decennio.
Considerando tutti questi punti positivi i candidati democratici alle elezioni di medio termine (nov.2014) dovrebbero utilizzare la riforma sanitaria Obamacare nella loro campagna.
Sta succedendo,invece, il contrario. Nello Stato della Georgia almeno due candidati democratici hanno cominciato a criticare la riforma sanitaria. Hanno dunque accettato la retorica repubblicana che Obamacare sarà un disastro. L'efficace campagna repubblicana ha convinto una buona fetta dell'elettorato che la riforma non farà altro che causare problemi. Hanno dimostrato questa idea con i quarantaquattro voti alla Camera per cercare di abrogare la legge che il Senato, dominato dai democratici, ha bocciato e ovviamente in caso contrario Obama avrebbe imposto il suo veto.
La riforma sanitaria messa in pratica nel Massachusetts nel 2006, modello Obamacare, si è, però, rivelata un successo e la stragrande maggioranza rimane soddisfatta. Lo stesso avverrà eventualmente con Obamacare. Si prevede per esempio che nel prossimo decennio altri venticinque milioni di americani avranno copertura sanitaria con la riforma di Obama.
I nemici di Obamacare sono riusciti a convincere la maggioranza di americani degli aspetti negativi specialmente perché la legge aiuta i ceti bassi dato che fornisce sussidi a coloro che non guadagnano abbastanza per comprare l'assicurazione medica. Inoltre ha ampliato il Medicaid, la sanità per i poveri, eccetto nei venticinque Stati in cui i governatori hanno deciso di non partecipare.
Uno dei ragionamenti anti-Obamacare è la complessità della nuova legge come un "mostro" del governo. Gli americani negli ultimi decenni hanno subito una feroce campagna che tutto quel che fa il governo non funziona. L' icona repubblicana Ronald Reagan ci diceva spesso che "il governo è il problema e non la soluzione". Anche alcuni luminari democratici hanno abbracciato questo concetto. Il caso più memorabile è quello di Bill Clinton il quale appena eletto presidente ci disse che "L'era dei grandi programmi governativi" era finita.
I grandi programmi governativi però come il Social Security ed il Medicare hanno avuto notevoli successi. Il primo perché offre una pensione anche se minima agli anziani ed il secondo gli offre l'assicurazione medica. Questi programmi però sono stati fondati in anni passati. Il Social Security fu approvato nel 1935 durante una crisi economica molto severa e il Medicare nel 1965 quando l'economia andava bene e prevaleva una fede nel governo come risposta ai problemi della società. Obamacare si aggiunge a questi programmi ed in un certo senso bisogna apprezzare il successo di Obama a farlo approvare nonostante il nuovo clima politico anti-governo e l'efficacia repubblicana a mettergli i bastoni fra le ruote.
Nonostante tutto, però, Obamacare funziona e funzionerà meglio una volta che sarà messo in atto completamente nei prossimi anni. Vi saranno degli intoppi che i repubblicani cercheranno di usare per smantellare la riforma sanitaria. Ce lo ricordano molto chiaramente ogni volta che ne hanno l'occasione. Il nuovo bilancio approvato alla Camera dominata dal Gop include tagli molto seri al Social Security ed il Medicare che non saranno popolari con la maggioranza degli americani. Se i democratici fossero astuti ricorderebbero agli elettori, ad nauseam , che loro sono stati i creatori del Social Security ed il Medicare. Obamacare si lega a questi programmi che spingono nella direzione giusta ad offrire un minimo di sicurezza specialmente ai poveri e la classe media.
I programmi che favoriscono i poveri costano capitale politico perché questi gruppi tendono a non presentarsi alle urne. Quando il Civil Rights Act fu approvato nel 1964 l'allora presidente Lyndon Johnson disse che i democratici avrebbero perso il Sud per una generazione perché i bianchi avrebbero abbandonato il partito democratico. Difatti è avvenuto. Da parecchi decenni gli Stati del Sud votano principalmente per i repubblicani. La riforma sanitaria non è costata nulla a Obama perché è riuscito a farsi rieleggere per il secondo ed ultimo mandato. Il partito democratico però pagherà "le spese" per Obamacare fin quando non sarà divenuto "legittimo" come il Social Security e il Medicare.