Economia nazionale

IL DENARO E LA MONETA : "STERCO DEL DEMONIO" ?

Abbiamo già pubblicato che con questo titolo lo scrittore e giornalista Massimo Fini ha scritto un libro che noi abbiamo suggerito di adottarlo come testo scolastico negli Istituti superiori. La sua lettura, che stiamo completando, ci ha confermato che il nostro suggerimento non è poi tanto campato in aria. Gli aspetti finanziari e monetari che la crisi economica in atto sta portando alla ribalta ogni giorno di più, trascurandone l' origine e i motivi, ci hanno fatto riflettere su un aspetto molto importante e , al limite, pericoloso per gli sviluppi futuri.

Leggi tutto...

CHIUDETE LE BANCHE PRIVATE SENZA SOLDI PROPRI = PROVOCAZIONE PER : RENZI , PADOAN E BANKITALIA

Il precedente martedì 15 abbiamo letto su Il SOLE24ORE il servizio dei colleghi Vito Lops e Morya Longo che hanno sintetizzato il contenuto della decisone dell' Europarlamento con cui è stata approvata in via definitiva la cosiddetta "Unione Bancaria Europea " che sarà gestita nella sua funzione dalla BCE fra un paio d' anni ; cioè dopo l'esame e l'approvazione degli Stati aderenti. In sintesi due sono le finalità dichiarate di questa Unione:

Leggi tutto...

LA SCUOLA: CHI E' COSTEI? COSA NON FA CHE INVECE DOVREBBE FARE , SECONDO CONFINDUSTRIA ?

Ce lo dice Luca Paolazzi , Direttore del Centro Studi di Confindustria, il quale, nel convegno biennale del Centro svoltosi a Bari il 28 e 29 marzo, ha illustrato come IL CAPITALE SOCIALE (che costituisce ): LA FORZA DEL PAESE, sia l'unico mezzo più importante ed efficace per uscire dalla crisi. Lo ha fatto sollecitando l' attenzione degli imprenditori, degli economisti, dei politici e dei giornalisti presenti in platea, con una serie di diapositive con le quali ha illustrato la situazione critica della scuola italiana , In rapporto alla crisi economica in atto.

Leggi tutto...

PALAZZO CHIGI - MINISTERI – COMUNI : TOTALE = U.C.A.S : UFFICI COMPLICAZIONE AFFARI SEMPLICI

Con l' intervento pubblicato all' inizio della successiva pag.3 abbiamo auspicato per il 2014 un' organizzazione fiscale dei Comuni finalmente chiara. Tenevamo presente, però solo i provvedimenti legati a : Tarsu, Tia 1 e 2, Tares , IMU e IUC, a sua volta formata da TARI, TASI e l' IMU a carico solo dei multi-proprietari di ville e appartamenti. Non riteniamo necessario entrare nei particolari della relativa confusione normativa , la quale fa sorgere il dubbio che si tratti di una sofisticata azione finanziaria mirata a non far conoscere al popolo , con chiarezza, la "verità vera" sulla fiscalità statale e comunale. Per farci capire citiamo, comunque, un paio di esempi:

Leggi tutto...