I TERREMOTI: E’ STATO DETTO E PUBBLICATO CHE QUALCUNO PARE STIA SPERIMENTANDO UN SISTEMA MAGNETICO PER PROVOCARE I SISMA “A COMANDO”. ABBIAMO CERCATO DI SAPERNE DI PIU’

Con l’ultimo  intervento pubblicato il 22 gennaio,  informando di una nostra “convalescenza fungina”, che ancora  non “vuole arrendersi”, volevamo parlare anche di terremoti . Rinviammo l’ intervento in contemporanea ad una notizia secondo la quale la enorme slavina a “valanga”, che ha distrutto un intero albergo montano  pescarese, sarebbe stata provocata da un ulteriore  terremoto, non naturale come finora conosciuto, ma  simile  a quelli che nel 2016 avevano già distrutto diversi paesi montani delle provincie confinanti di Teramo e l’ Aquila. 

Questa ipotesi, che può sembrare accettabile, è stata “arricchita” da un’ altra tesi teorica più sofisticata e preoccupante: la possibilità, finora scientificamente non  ancora dimostrata in maniera ufficiale,  di provocare terremoti artificiali per i quali si starebbe interessando la Nasa e l’ Haarp
< Hing  Frequency Active Auroral  Research  Project >
  ( programma di ricerca  (sulla)  alta frequenza attiva dell’ aurora). La presenza e la funzione di questa struttura, sita in Alasca , non ci era nota .               Non siamo, quindi, in condizione di parlarne in dettaglio adesso. Ci torneremo con un altro intervento. Diciamo, però, che dalle informazioni che abbiamo   acquisito crediamo di aver capito, in modo sommario, che l’ attività dell’ Haarp riguarda la creazione e l’ uso di particolari onde elettromagnetiche, pari o superiori a quelle presenti nel centro della Terra, con la possibilità di interferire sulle stesse  con apposito intervento mirato.

A tale ipotesi ne colleghiamo, però,  un’altra , già diffusa sulla stampa, che avrebbe per natura la stessa caratteristica dell’ Haarp, perché i terremoti si potrebbero generare quando TRE pianeti , fra cui la Terra, si trovano contemporaneamente allineati di fronte al sole. L’ ipotesi è che i tre magnetismi  naturali si sommerebbero  producendo la possibilità di terremoti sul primo o  ultimo dei tre pianeti.

E’ stato detto, infatti, che il  sisma della valanga di neve sarebbe stato provocato da un terremoto che potrebbe essere artificiale.  Finora, però, anche a questa ipotesi nessuno ha dato la dimostrazione scientifica.  Il dubbio sulla vicenda viene comunque  spontaneo quando si riflette che sono stati inventati “satelliti” abitati e velivoli satellitari automatici sempre più sofisticati di cui  non si conoscono tutti i possibili usi, non solo bellici. Può non essere vero ma ci si può anche credere da parte di chi, curioso come noi , viene stimolato a saperne di più anche  per darne informazione corretta.

Abbiamo fatto ricerche cartacee e sul web, oltre a chiedere informazioni e pareri a possibili i esperti in materia di magnetismo terrestre  e planetario, ma anche di geologia . Ma ora ci siamo accorti che le risposte verbali e/o scritte non sono sufficienti per una divulgazione semplificata. La problematica è complessa e sofisticata anche perché gli esperti in geologia non sono tutti d’accordo su una stessa tesi.

Consentiteci “ l’ egoismo paesano” per chiudere questo intervento con la  cronologia sismica del nostro paese di nascita, le proprie origini sono impossibili da dimenticare.  I terremoti in Abruzzo sono stati diverse centinaia. La zona più tartassata  è stata quella aquilana. Nell’ elenco che abbiamo estratto dall’ archivio “emidius” mancano ovviamente i sisma degli anni 2009, 2013, e gli ultimi   del 2016 /17. Col prossimo intervento cercheremo di dare anche qualche immagini di mappe con le faglie e l’ indicazione delle località della regione dove si sono verificati i terremoti più importanti che purtroppo non saranno gli ultimi.

  Storia sismica di Abbateggio. Numero di eventi  9
I[MCS]            Data   Ax Np Io     Mw
9-10 1706  11 03 13:00 Maiella 99 10-11 6.83 ±0.16
7-8 1915  01 13 06:52 Avezzano 1041 11 7.00 ±0.09
7 1933  09 26 03:33 Maiella 326 9 5.95 ±0.09
6-7 1984  05 07 17:49 Appennino abruzzese 912 8 5.89 ±0.09
4 1997  09 26 00:33 Appennino umbro-marchigiano 760   5.70 ±0.09
4 1997  09 26 09:40 Appennino umbro-marchigiano 869 8-9 6.01 ±0.09
5 1997  10 14 15:23 Appennino umbro-marchigiano 786 7-8 5.65 ±0.09
4-5 2002  11 01 15:09 Subapp. Dauno 645   5.72 ±0.09
3-4 2004  12 09 02:44 Zona Teramo 224 5-6 4.18 ±0.09