L' ABRUZZO E' CAMBIATO. PRIMA C' ERANO I PASTORI – COSA CI SAREBBE ORA SENZA POETI DIALETTALI ?

Ce lo dice il poeta scrittore Giuseppe Parisio ,di Turrivalignani (PE), autore della raccolta di poesie in vernacolo titolato "Ammont ' e ball" , che presenta se stesso, ma anche tutti gli autori dialettali, con la seguente "immagine" poetica:
" D' ammonte déste lu fiume corre abballe, pe la strade ne le ferme nisciune. Sole nu ponte fa passà quacchedune da na riv'a natre. Stu ponte, de ferre o de crète, è prupie quelle che fa lu puete". Traduciamo :
"Dalle nostre montagne (dove , per esempio nasce il fiume Orfento sotto la Majella) il fiume scorre giù, Lungo il percorso non lo può fermare nessuno. Solo un ponte fa passare qualcuno da una riva all' altra. Questo ponte, di ferro o di argilla (mattoni) , è proprio ciò che fa il poeta."

 Con questo omaggio all' Abruzzo torniamo a farci sentire dopo una sosta inevitabile.. Ce lo consente l' editrice " TRACCE" di Pescara che ci ha gentilmente inviato un volumetto di un centinaio di pagine col quale Giuseppe Parisio, già direttore della biblioteca unificata dell' università G. D' Annunzio, ha pubblicato una raccolta di poesie in vernacolo abruzzese. Ha scritto anche altri libri dedicati ad aspetti particolari degli ambienti regionali, ma questo titolato "AMMONT'E e BALL" che , nello specifico, si può tradurre "su e giù per l' Abruzzo", conferma quella funzione di "ponte" culturale tra la riva della vita pastorale e quella attuale. La raccolta, infatti , presenta la descrizione dei diversi ambienti di vita e cultura abruzzese che non si possono dimenticare, anche per consentire alle nuove generazioni di conoscere e riflettere sulla vita materiale e culturale dei propri antenati. Fra le numerose poesie abbiamo scelto da pubblicare l' ultima della raccolta dedicata come omaggio, appunto, all' Abruzzo. Ne pubblicheremo delle altre. Seguiteci anche con commenti da spedire a mezzo email : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'ABRUZZE                                                                 L' ABRUZZO


Ce sta tutte a sta terra benedette:               Ci sta tutto in questa terra benedetta:
le muntegne, lu mare e le culline,                  le montagne, il mare e le colline,
l' aria bbune che fa bbuttà lu pette,               l' aria buona che fa gonfiare il petto,
le vigne ch'ariempie le cantine,                      le vigne che riempiono le cantine

frutte quanta ne vù gni pere e mele,             frutta quanta ne vuoi come pere e mele.
gente nghe nu cervelle prupie fine,               gente col cervello molto acuto,
puète gni D' Annunzio Gabriele,                    poeti come D'Annunzio Gabriele,
ngingnire gni D'Ascanio Curadine.                  Ingegneri come D' Ascanio Corradino.

Quesce ogne parte tè nu munumente          Quasi ogni paese ha un monumento
Ch'arecorde de la storie lu passagge,             che ricorda il passaggio delle storia,
a lAquuele se truve Collemaggie                   all' Aquila trovi Collemaggio
a Castiune ce sta San Clemente.                   a Castiglione ci sta San Clemente.

Ma sta terre de béllezze ne tè tante,            Ma questa terra ne ha tante di bellezze,
ce vulesse nu libbre pe tutte quante,           per tutte ci vorrebbe un libro intero,
alla fine iavissa fa n'inchine,                          alla fine bisognerebbe fargli un inchino,
ma è meie che le vide da vicine.                   però è meglio vederle da vicino.

Giuseppe Parisio