Provocazioni

PILLOLE DI FINE ANNO : DALLA SANITA' ALLA GIUSTIZIA VIA INTERCETTAZIONI TELEFONICHE

 

ANCHE LA QUESTIONE MORALE E QUELLA ETICA. SONO PILLOLE AMARE PER CHI LE MASTICA MA NON LE INGOIA.  MA DOVE SARANNO  FINITE SE NON RISIEDONO PIU' NEANCHE IN CASA DI PIETRO?

Bella domanda a cui nessuno sa rispondere . Le due "questioni" sono diventate   "un ‘araba fenice : che vi sia ognun lo dice dove sia nessun lo sa." , e, dunque , chi non conosce l'indirizzo rinuncia a cercarle. E fa quel che gli pare senza vergognarsi di fronte al popolo  e senza temere che altri potrebbero comportarsi nei loro confronti alla stessa maniera , cioè , senza pudore. Ed è ciò che sta accadendo sempre più spesso nell' attuale società.Noi, però,  ne conosciamo l' indirizzo di casa  , ( basta rileggere il titolo "Da Villa Pini alle prossime elezioni regionali" pubblicato il 24 settembre scorso) . Ma a questo punto ci assale il dubbio che prima o poi qualcuno ne chiederà lo sfratto. Forse non dovevamo rivelare il loro indirizzo. Ma ormai la frittata è fatta. Perciò ripetiamo che le due sorelle (etica e morale) abitano in via delle "Enciclopedie  e dizionari" della lingua italiana , nella casa che fa angolo con via dei "Trattati di filosofia politica " stampati e pubblicati anche durante il famigerato "ventennio" . Ma usciamo dalla metafora per parlare delle vere "pillole natalizie".

Leggi tutto...

DAL RAZZISMO AL CODICE PENALE. I CONCETTI SI CAPOVOLGONO

 

Nei giorni scorsi sono saliti agli onori della cronaca particolari notizie ed avvenimenti che dovrebbero stimolare la riflessione di tutti. Dai fatti di Castelvolturno alla condanna di un docente che aveva preannunciato ad un' alunna. la sua ipotetica bocciatura   Dall' inutile e dispendioso tentativo di scolarizzare i bambini ROM , alla proposta del Ministro Brunetta di mettere sotto analisi e controllo anche medici e chirurghi incapaci e fannulloni

.

Leggi tutto...

INTERCETTAZIONI TELEFONICHE

 

occhi005.gifC'E' ANCORA QUALCHE SCEMO CHE SI FA INTERCETTARE? SE ESISTE

NON MERITA LA GALERA : VA ESILIATO A VITA NELL' AFRICA NERA.



E' la punizione che, dopo tutto il can can  che sta occupando la stampa , parlata e scritta, sulla vita pubblica e privata, (fatte di corna , tradimenti, pettegolezzi, ma anche di cose serie fuori dal Codice Penale), sul DL o DDL, sull' entità e il tipo di reato , sui giornalisti che fanno a gara per farsi amici gli intercettatori, sui magistrati che hanno ridotto l' Italia in un paese di spioni e di spiati,  ecc. ecc., dicevamo , meriterebbe l' esilio chi si lascia ancora intercettare mentre parla per telefono di attività o  di intenzioni e proposte classificabili secondo il Codice Penale  Questi vadano a vivere con Tarzan, dove la loro stupidità non può creare pasticci nella società civile. Da varie fonti, invece, vengono proposte che manifestano la volontà di conservare e proteggere la stupidità. La lotta per la scelta delle categorie da includere  o escludere nell' elenco degli intercettabili fa pensare proprio a questo : la stupidità è un valore sociale e politico da difendere

Leggi tutto...

RIFLESSIONI E PROPOSTE

 

sport061.gifIL PALLONE  IN ABRUZZO PERDE TIFOSI



Sul n. 03/08 di MONITOR ( quindicinale del master in giornalismo dell ‘ Università di Teramo) uscito il mese scorso, Luca Venanzi e Stefano Muracchio  hanno cercato di spiegare "Perché il pubblico dello sport è in calo". Hanno chiesto i motivi a due docenti e ad  un tecnico.  Barbara Mazza insegna nell' università di Teramo "Teoria della comunicazione sportiva"; Luigi Mastrangelo , responsabile, sempre a Teramo, del "Corso di laurea in management dello sport"; Giuseppe Tambone, ex direttore sportivo della squadra di Castel di Sangro. Tutti e tre hanno detto, praticamente, la stessa cosa: quando i risultati delle squadre e delle società non rispettano il desiderio e le aspettative dei tifosi questi disertano gli stadi nostrani e preferiscono seguire in TV il campionato di serie A. Cioè, detto in dialetto: "sparagn e cumparisc".

Leggi tutto...

CONFLITTO DI INTERESSE

 

E SE TUTTA LA "CASTA"  FOSSE IN CONFLITTO CON GLI ITALIANI ?

Il titolo è un' espressione linguistica coniata dalla sociologia per indicare uno scontro, un contrasto, una lotta  "...fra soggetti individuali o collettivi in competizione fra loro per il possesso, l'uso o il godimento di beni scarsamente disponibili...." ( dal vocabolario Treccani)  La "lotta di classe", di marxiana memoria, chiarisce, ancora meglio, il concetto di conflitto fra interessi.

Vediamo ora il il significato logico-linguistico di  "interesse". Sempre sul dizionario Treccani si legge "...utilità, vantaggio, convenienza in senso non solo materiale ed economico ma anche spirituale, morale; ..."  Ancora una volta siamo costretti a chiamare in causa la nostra bella lingua purtroppo sconosciuta dai più Dalla lingua ai fatti concreti.  Senza allusioni e mezzi termini,  ci sembra di poter dire che, sulla base dell' analisi sopra esposta, l' accusa di conflitto di interessi a carico di  Berlusconi non ha i piedi per camminare.

Leggi tutto...