SALUTIAMO IL DIRETTORE DELL’ UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELL’ ABRUZZO

Il prof. Carlo Petracca., prima docente, poi Preside di scuola media  in provincia di Pescara, poi Ispettore scolastico centrale, promosso a  Direttore dell' Ufficio scolastico  regionale della scuola abruzzese, ha deciso di andare in pensione dal 1° nov. scorso.



Abbiamo conosciuto il dott. Petracca  quando ci si ritrovava insieme nelle riunioni provinciali dei Dirigenti., o in occasioni di attività di aggiornamento. Siamo diventati amici non solo per ragioni di colleganza ma anche , e soprattutto , per motivi di reciproca stima personale  

A ciò dobbiamo aggiungere il nostro apprezzamento per la sua preparazione , non solo tecnico – professionale , ma  anche per le sue doti culturali e di studioso. La sua cultura e la sua personale caratteristica di pacatezza e di  attento impegno con cui affrontava  le problematiche della scuola gli hanno consentito di svolgere l'attività di direzione con pieno successo . Basta solo pensare al lavoro e ai risultati dei suoi impegni carichi di delicate responsabilità  durante la gestione del Ufficio regionale nel periodo del disastro sismico aquilano.

Detto questo, da amico gli facciamo gli auguri più sinceri di buon riposo, nel senso che non dovrà più subire gli assilli burocratici quotidiani. Per altro verso, però.  gli auguriamo buon lavoro perché siamo sicuri che continuerà, con rinnovato impegno, ad interessarsi di problematiche scolastiche . e Dio sa se la nostra scuola non ne ha bisogno..

E' di ieri la notizia che è stata ripristinata la valutazione gerarchica del comportamento professionale dei docenti  e dei dirigenti .Siamo d'accordo col Ministro. La riforma  era necessaria e urgente. Il dott. Petracca era , ed è sicuramente rimasto un esperto dei problemi di valutazione scolastica, di cui sicuramente si è dovuto interessare durante la dirigenza regionale. Siamo certi che in questa occasione  farà sentire la "voce" della sua preparazione..

La scuola abruzzese, pertanto,  saluta un dirigente valido , capace e preparato. Perciò gli chiediamo di non dimenticala..

All' amico Carlo, dunque, un abbraccio caloroso con l' auspicio di una graditissima collaborazione professionale.