Qualità della scuola

AUTODENUNCIA : DAGLI ESAMI DI “MATURITA’ “ ESCONO “SOMARI “

 

Riprendiamo da Il Tempo di venerdì scorso la lettera di una professoressa che si autodenuncia per aver dovuto accettare,  "subendola", la decisione di una Commissione d' esami, chiamata ad accertare la maturità  di  "operatori turistici". La docente rivela che la commissione, di cui era membro esterno, ha dichiarato maturi alunni "somari" che a suo giudizio non dovevano neanche essere ammessi all' esame Il suo voto contrario alla promozione, fra l' altro, non è stato tenuto in alcuna considerazione. Questo episodio ci spinge a ricordare , ( non per la presunzione di aver trovato conferma delle nostre idee nella lettera della sig.ra Verdile, ma per sollecitare i lettori ad approfondire la problematica) , due aspetti di cui abbiamo già scritto:

 

•1)       Il significato di "maturità" come imbroglio linguistico e come concetto che ormai non ha più ragione si essere fra i compiti della scuola ( gli interventi si possono leggere andando all' indice SCUOLA e poi cliccare sulle cartelle < qualità della scuola> e <scuola e politica>..

•2)       Due anni fa aggiornando la nostra <Carta di identità> abbiamo confermato la sollecitazione e la fiducia  verso il corpo docente, ribadendo che il futuro dei giovani e della società  stanno nelle loro mani. A giudicare dall' episodio descritto nella lettera , nonché da altre notizie sulla preparazione dei giovani che concorrono a posti pubblici , dovremmo prendere atto che finora ci siamo illusi. Gli episodi di concorrenti "somari" sono stati parecchi, e diffusi , purtroppo,  in campo nazionale. Come esempio ricordiamo l' ultimo accaduto in Abruzzo,  in un Comune della provincia di Chieti : concorso per vigile urbano. Su 182 partecipanti  solo 19 hanno superato la prova scritta. Che delusione per noi, ma che vergogna per la scuola che ha dichiarato "maturi" gli altri 163 concorrenti!

Per quanto ci riguarda, nonostante l' illusione che man mano aumenta, vogliamo restare ancora ottimisti, a condizione che il Ministro Gelmini cominci a prendere gli opportuni provvedimenti . Le nostre proposte glie le abbiamo già fatte più di una volta. Condividiamo anche le proposte avanzate dalla Sig.ra Verdile. Ma  ora vogliamo anche provocarla :

 SIG. MINISTRO NON ACCETTI ALTRI INCARICHI CHE LA DISTRARREBBERO CERTAMENTE DALLA SUA ATTUALE FUNZIONE IN VIALE TRASTEVERE.(NdD)

Leggi tutto...

LA MATURITA’ – CHI E’ COSTEI ? DI PIU’: A CHI E A COSA SERVE?

 

Cercheremo di rispondere alle domande del titolo alquanto provocatorie.. Premessa. Fra gli argomenti affrontati da questo giornale ci sono stati alcuni interventi sul problema del "5 in condotta" come causa di bocciatura. Noi abbiamo visto la questione da altra angolazione, e francamente siamo rimasti sorpresi nel constatare che gli articoli hanno totalizzato più di mille letture, probabilmente da chi temeva la bocciatura o la non ammissione all' esame , appunto, di maturità.

Leggi tutto...

I NUOVI ISTITUTI PROFESSIONALI (Parte 5^)

 

Come introduzione di può rileggere quella degli istituti tecnici con gli opportuni adeguamenti ai professionali. La finalità resta la stessa . Per problemi tecnici dobbiamo rinviare a domani l' inserimento degli indirizzi e degli orari  Si potranno leggere cliccando QUI . Il prossimo intervento integrerà le osservazioni critiche del primo articolo.

Leggi tutto...

I NUOVI ISTITUTI TECNICI – LE FINALITA’ (4^ parte)

 

Dopo la sintetica presentazione dei licei, le cui finalità formative non hanno subito sostanziali modifiche da quelle  dei precedenti, riteniamo di dover trascrivere la presentazione ufficiale delle finalità assegnate ai nuovi istituti tecnici che, insieme alle scuole professionali, assumono un ruolo sociale particolare. I giovani che si diplomano in queste scuole, infatti, costituiscono la futura società produttiva senza la quale la cultura teorica di tutti i liceali non avrebbe "pane per i suoi denti"   . Attenzione! Non stiamo svalutando la cultura liceale . E' anche vero, infatti, che la cultura tecnico-professionale avrebbe difficoltà applicativa se non avesse il sostegno e la "collaborazione del  "pensiero liceale".  Ma c'è un altro aspetto non trascurabile. Il nostro scopo è quello di fornire agli adolescenti che vogliono entrare nella scuola tecnico-professionale un aiuto a scegliere indirizzi e profili più confacenti alle loro inclinazioni naturali. Per leggere indirizzi, profili e quadri orari cliccare QUI . Il prossimo intervento tratterà gli istituti professionali . (N.d:D.)

 

Leggi tutto...

CINQUE IN CONDOTTA-VALE ANCHE DOPO LA RIFORMA IN ATTO

 

Abbiamo rilevato, anche in precedenza, che, con una certa costanza, molti entrano nel sito di INTERVENTI alla ricerca dell' ormai famoso "cinque in condotta". Sulla questione abbiamo espresso il nostro parere con tre articoli di cui due abbastanza duri e polemici, ai quali rinviamo. Però vista la numerosità della ricerca abbiamo pensato di far cosa utile andando alle origini normative dove si leggono anche le motivazioni basilari della decisione legislativa. Abbiamo cercato fra gli atti del Senato e trascriviamo il risultato della ricerca , Ai lettori degli articoli precedenti abbiamo chiesto commenti anche negativi. Nessuno ha risposto all' appello. Segno che nel mondo della scuola c'è qualcosa che non va. Basta guardare la scena dei docenti in mutande davanti al Ministero. Per chiudere sull' argomento:su quanto abbiamo scritto in precedenza non correggiamo neanche una virgola. (NdD)

Leggi tutto...