"L' ALLEGORIA DEL FIUME" = IL SENSO RIPOSTO DELL' ESPRESSIONE LO SPIEGA L' AUTRICE CON UN ROMANZO

Da abruzzopressnewsletter@yahoo.it riceviamo la recensione del romanzo, pubblicato dalle Edizioni teatine " Tabula fati" , scritto dalla dottoressa Maria Assunta Orlando di Lanciano.(CH). La signora Orlando si aggiunge a diversi altri autori che stanno facendo un importante lavoro di ricerca e diffusione degli aspetti di vita e di cultura popolare degli abruzzesi, che si potrebbero definire dimenticati nonché sconosciuti dalle nuove generazioni .

 

La presentazione del romanzo al pubblico sarà fatta VENERDI' 12 da Giancarlo Giuliani e Nicoletta Fazio nella sala di CONVERSAZIONE DI LANCIANO ALLE ORE 18. Ci saranno l' autrice e l' editore Marco Solfanelli.

"" Delicato e originale questo libro di Maria Assunta Orlando. Il lettore è condotto per mano in una storia familiare che è la chiave per una sorta di iniziazione alla vita, alla comprensione dei suoi meccanismi, all?accettazione del bene e del male, della gioia e del dolore che in essa si celano.
Lo stile ? lineare, incisivo, semplice senza essere banale, comunicativo. Si usano spesso parole e frasi comuni, che nell' ambito delle varie situazioni si arricchiscono di molteplici sfaccettature di significato. Il lettore sfoglia le pagine di una storia di uomini e donne apparentemente ordinari, ma che sanno diventare una sorta di patrimonio collettivo, costituire quel tessuto connettivo che rende saldi i legami familiari, ne fa un supporto importante per i momenti in cui le circostanze sembrano aggredirci. L' esistenza quotidiana include attività consuete, apparentemente banali, ma anche privilegiate, nel senso che consentono all?esistenza individuale di proiettarsi in una dimensione ben più ampia.
Il libro ha profumo di antico, nel senso migliore del termine, e dona al lettore il senso "caldo" della continuità, dell' inesauribile forza del legame familiare, del testimone passato da una generazione all'altra.""