Sanità

IL POPOLO DEVE SAPERE. - IL MINISTRO DELLA SANITA’ HA PRESENTATO E

….IL CONSIGLIO DEI MINISTRI,.in data 21.gennaio 2011 , ha approvato la bozza provvisoria del nuovo Piano Sanitario Nazionale già esaminato ed accolto dalla    Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome in data  18-11-10   Il testo dovrà ora superare tutta la trafila degli esami e delle consultazioni di rito prima di passare all’ approvazione del Parlamento. Intanto  la pubblicazione del nuovo testo consente le prime osservazioni giornalistiche. Con l’ auspicio che anche gli altri organi di stampa parlata e scritta non trascurino di dare il loro contributo critico ad una legge che dovrebbe mirare a rendere chiara e semplice la struttura organizzativa e funzionale del settore della vita sociale più sensibile  ed importante : LA SALUTE. A nostro avviso, purtroppo non è così ..

 

 

Leggi tutto...

LA SANITÀ IN USA: FRA FEDERALE E STATALE

La maggioranza repubblicana alla Camera dei rappresentanti ha abrogato la riforma sanitaria approvata l’anno scorso. Così facendo i repubblicani hanno mantenuto la loro promessa. Si tratta di un futile esercizio dato che i democratici continuano a controllare il senato e se per qualche miracolo il disegno di legge dovesse sopravvivere  il presidente Barack Obama imporrebbe il suo vetoI repubblicani sanno che non avranno successo ad eliminare la riforma legalmente  ma a loro poco importa. Si tratta semplicemente di soddisfare i loro fedeli e continuare a fare politica per legare le mani di Obama ed eventualmente contribuire alla conquista della Casa Bianca fra due anni

Leggi tutto...

LA SANITA’ NELLA PROVINCIA DI CHIETI

NOTA PER LA STAMPA DEL 14 GENNAIO 2011:

 “Sulla questione dei pediatri nelle zone interne, nessuno abdichi al difficile compito di tutela sociale e sanitaria

Così esordisce  il vicepresidente della Provincia di Chieti, Antonio Tavani  affrontando il problema dell’ assistenza sanitaria nelle zone disagiate del territorio provinciale.. Con una nota per la stampa pervenutaci ieri 14  dalla Presidenza in  Corso Marrucino in Chieti , il vice Presidente  chiede, a tutti i governanti locali e regionali, il massimo impegno nella tutela del diritto alla salute delle zone interne che rischiano un’ulteriore penalizzazione se vedranno scomparire i servizi garantiti dai Medici Pediatri che oggi esercitano nel territorio.

Leggi tutto...

IN ABRUZZO IL FUTURO DELLA SANITÀ RESTA ANCORA SCONOSCIUTO

CHIODI RIASSUME E COMMENTA...PERO'....

Dal servizio stampa della Giunta regionale abruzzese abbiamo rilevato il comunicato che pubblichiamo per intero. Riguarda l' intervento del Presidente Chiodi  che, in qualità di Commissario ad acta per la Sanità,  al posto del dott. Venturoni, attualmente agli arresti domiciliari per problemi connessi alla raccolta e smaltimento dei rifiuti nel teramano,  è intervenuto al primo seminario promosso e organizzato  a Sulmona dalla "Direzione Politiche della Salute" della Regione sul  tema: "l'appropriatezza dell'assistenza sanitaria" in Abruzzo.  Con l'affermazione : il "futuro è anche negli ospedali di comunità e nella medicina sul territorio" . si è rivolto, purtroppo, solo agli addetti ai lavori che, crediamo sappiano che significa e . Al popolo che non sa chi glielo spiega? Ma non solo.

 

Leggi tutto...

LA POLITICA SANITARIA DIVIDE L’ ITALIA IN DUE

 

Dal numero 155 di "Negri News"  pubblicato nell' ottobre del 2009 sul mensile dell' Istituto Mario Negri, riprendiamo un articolo che Silvio Garattini, fondatore e Direttore dell' Istituto aveva scritto anche per "Il Gazzettibo". Lo scienziato individua le anomalie che dovrebbero essere eliminate per dare la necessaria funzionalità ed efficienza al servizio sanitario nazionale. Questi sono i settori individuati su cui è urgente intervenire:

- Un'Italia spaccata in due: bilanci della sanità in pareggio al Nord, in debito al Sud.

-Soluzioni non ideologiche e approccio bipartisan per affrontare il problema.

-La dannosa interferenza dei partiti. Distinguere la spesa sanitaria da quelle che le sono estranee.

-Valorizzare le professionalità evitando di regalare i migliori giovani del Sud ad altri paesi.

-Strutture sanitarie di eccellenza per evitare i "pellegrinaggi" di ammalati verso il Nord. La strada dei gemellaggi.

Leggi tutto...