LA "BUONA SCUOLA" ITALIANA DI RENZI E GIANNINI DIVENTERA' INGLESE CON GESTIONE INFORMATICA

Quando è stato pubblicato il testo della riforma scolastica citata nel titolo abbiamo analizzato e commentato 12 punti da sottoporre a riforma utilizzando la nostra esperienza professionale. Adesso ha richiamato la nostra attenzione l' analisi "lessicale" del documento pubblicata sul sito web di TUTTOSCUOLA. Va dato atto che l' iniziativa merita apprezzamento perché può sollecitare in chi legge la riflessione non solo sulla utilizzazione linguistica dei vocaboli di cui quasi tutti non costituiscono un "lessico" appropriato alla scuola , ma, anzitutto, sulla fattibilità della riforma sia per motivi economici , che per la complessità degli obiettivi che si propongono. Le riforme non vanno fatte tutte di colpo, ma vanno affrontate un passo alla volta.

 A nostro avviso, quindi, la riforma non avrà vita facile mentre rischia di complicare ancora di più l' attuale problematicità del servizio affidato alla pubblica istruzione. Leggendo con attenzione le 42 espressioni i cui i nomi concreti sono stati qualificati , con aggettivazioni specifiche, ci si rende conto che quasi tutte non hanno nulla a che vedere con la scuola. Questa operazione, peggiorata , inoltre , con l' uso di termini di lingua inglese , conosciuti, forse , solo da chi li ha usati, a nostro avviso rischia di mistificare la funzione della nostra scuola inserendola in un contesto ambientale non appropriato

Gli aspetti che più ci indignano sono tre : - l' uso li vocaboli ed espressioni lingua inglese, - la squalifica della funzione direttiva, non dichiarata ma implicita, e - la mancata previsione di una revisione dei programmi scolastici per il loro adeguamento alla cambiata realtà politica e socio- economica della vita pubblica. A tal fine, infatti, non basta l' obbligo dell' alternanza scuola lavoro che mira a formare lavoratori manuali dipendenti. o utilizzatori di conoscenze informatiche, Senza offesa per nessuno, infine, va messo in conto la impreparazione professionale di docenti e dirigenti ai quali la scuola sta bene così com'è. Quasi ,quasi comincia a farsi strada in noi l' idea della inutilità di quanto affermato nella "Carta di Identità " di questo giornale. In merito su quasi 20mila lettori della Carta ci ha degnato di una critica positiva o negativa che fosse.Si può ancora fare scrivendo un messaggio all' indirizzo Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Passiamo al LESSICO DELLA BUONA SCUOLA. Abbiamo copiato le 42 espressioni elencate da TUTTOSCUOLA riducendo all' essenziale le rispettive spiegazioni; abbiamo inserito fra parentesi e in corsivo, qualche nota ritenuta utile. Buona lettura scusandoci per la lunghezza che potrebbe non essere gradita. Aspettiamo commenti.

....................................................................................................................................

LA "BUONA SCUOLA" PROPOSTA DA RENZI DALLA " A" ALLA "Z"

LESSICO DELLA RIFORMA

Le nuove voci in ordine alfabetico di questo patto educativo, con le definizioni testuali riportate nel documento governativo
Da: www.tuttoscuola.com

1) - Alternanza obbligatoria
Introdurre l'obbligo dell'Alternanza Scuola-Lavoro (ASL) negli ultimi tre anni degli Istituti Tecnici ed estenderlo di un anno nei Professionali, prevedendo ...(un) (una durata) di almeno 200 ore l'anno.
2)- Apprendistato sperimentale
Diffondere attraverso protocolli ad hoc il programma sperimentale di apprendistato negli ultimi due anni della scuola superiore, .....
3)- Banche ore
sarà prevista la creazione di banche ore con le ore che ciascun docente "guadagna" (e che così "restituirà" alla scuola) nelle giornate di sospensione didattica .........
4) - Bottega scuola
Definire i principi per "disseminare" (?) esperienze di inserimento degli studenti in contesti imprenditoriali legati all'artigianato,....anche imprese di minori dimensioni o tramandare i "mestieri d'arte" ( Cioè l' artigianato?)
5) - Budget triennale
La stabilizzazione delle risorse dovrà servire anche per consentire alle scuole un'adeguata e tempestiva programmazione basata su un budget (?)triennale.
6) - CLIL nella scuola primaria (non si tratta ovviamente di una regione anatomica, ma non i spiega di che si tratta)
Esiste una metodologia sperimentata con successo, si chiama CLIL (Content and Language Integrated Learning). ( Già in uso ) nei licei e degli istituti tecnici ,dal prossimo anno scolastico sarà obbligatorio ....anche.....nella scuola primaria e nella scuola secondaria di primo grado.
7) - Connettività aree interne
Nell'ambito dell'iniziativa nazionale di coinvestimento per la dotazione tecnologica della scuola, in collaborazione con le Regioni, svilupperemo piani straordinari per la connettività delle "aree interne". ( si tratterebbe di mettere in collegamento più istituti scolastici mediante una rete telematica, ma non se ne spiega la funzione)
8) - Crediti didattici
Si riferiscono alla qualità dell'insegnamento in classe e alla capacità di migliorare il livello di apprendimento degli studenti.
9) - Crediti didattici, formativi e professionali
Tutte le attività svolte dai docenti, sia individuali sia collegiali, contribuiranno al riconoscimento di crediti didattici (1), formativi (2) e professionali (3), per sostenere la scuola nel suo processo di miglioramento.
10) - Crediti formativi
Fanno riferimento alla formazione in servizio a cui tutti sono tenuti, alla attività di ricerca e alla produzione scientifica che alcuni intendono promuovere,
11) - Crediti formativi (CF)
Disegnare un sistema di Crediti Formativi (CF) da raggiungere ogni anno per l'aggiornamento e da legare alle possibilità di carriera e alla possibilità di conferimento di incarichi aggiuntivi
12) - Crediti professionali
Sono quelli assunti all'interno della scuola per promuovere e sostenerne l'organizzazione e il miglioramento, sia nella sua attività ordinaria (coordinatori di classe) sia nella sua attività progettuale
13) - Crowdfunding
coinvolge tutti i cittadini e mira ad incentivare meccanismi di microfinanziamento diffuso a favore della scuola, il cosiddetto crowdfunding. Vogliamo applicarlo in particolare al sostegno di progetti didattici, (senza farne la traduzione in italiano : non tutti quelli che leggono , insegnati e dirigenti compresi capiscono cos'è):
14) - Data School nazionale
Saranno inoltre coinvolte tante altre amministrazioni, compresi l'Istat e il Garante per la Privacy. Tutti hanno l'esigenza di fare comprendere i propri dati, le sfide di bilancio, di amministrazione, di policy.
15) - Design di servizi (con espressione più efficace: ideare e progettare servizi innovativi)
Il MIUR metterà a disposizione una piccola parte delle proprie risorse per organizzare premi legati al design innovativo dei servizi, coinvolgendo creativi, studenti, docenti e il personale della scuola..
16) - Docente catalizzatore (Elemento "chimico" che provoca innovazioni didattiche)
Le reti di scuole individueranno un docente di riferimento per ogni rete: tale docente catalizzatore sarà referente per i propri colleghi e loro sostegno per le pratiche di innovazione didattica.
17) - Docente mentor (retribuzione del docente che "guida" il lavoro dei colleghi)
Oltre a ricevere il reddito derivante dagli scatti, il docente mentor è retribuito con una indennità di posizione.
18) - Docente mentor (come è scelto ?)
Il docente mentor è scelto dal Nucleo di Valutazione interno, tra i docenti che per tre trienni consecutivi hanno avuto uno scatto di competenza..
19) - Docente mentor (cosa fa : braccio destro del dirigente ? ) 
Il docente mentor segue per la scuola la valutazione, coordina le attività di formazione degli altri docenti, compresa la formazione tra pari, sovrintende alla formazione dei colleghi, accompagna il percorso dei tirocinanti e in generale aiuta il preside e la scuola nei compiti più delicati legati alla valorizzazione delle risorse umane nell'ambito della didattica.
20) - Docente mentor (Periodo transitorio a termine)
I mentor saranno scelti tra i docenti che per tre trienni consecutivi saranno stati premiati con lo scatto stipendiale..
21) - Finanza buona
Sarà utile sperimentare altri strumenti di "finanza buona". Le obbligazioni ad impatto sociale (i cosiddetti Social Impact Bonds), già ampiamente utilizzate dal Governo inglese, da diversi Dipartimenti negli Stati Uniti e in fase di studio in diversi Paesi, ( in che consiste ?)
22) - Hackathon (Cosa si fa con per rendere trasparenti i dati ministeriali?)
Per aumentare l'impatto dell'apertura, lanceremo in autunno il primo hackathon sui dati del Ministero, dalle stanze del Ministero.........per creare applicazioni: una app (cos'è ? ) , un nuovo servizio ai cittadini, una visualizzazione interattiva. (informatica)
23) - Impresa didattica
Gli istituti di istruzione superiore, e di istruzione e formazione professionale possono commercializzare beni o servizi prodotti o svolgere attività di "impresa Formativa Strumentale", utilizzando i ricavi per investimenti sull'attività didattica. (Più chiaro: la scuola diventa il negozio dei suoi prodotti: cioè ? )
24) - Innovatori naturali
ruolo cruciale riconosciuto, all'interno della singola scuola, agli "innovatori naturali", che dovranno avere la possibilità di concentrarsi sulla formazione, e che saranno premiati con una quota dei fondi per il miglioramento dell'offerta formativa che verrebbe vincolata all'innovazione didattica e alla capacità di miglioramento, valutata annualmente. (da chi)?
25) - Integrazione orizzontale
La creazione di organici funzionali offrirà alle scuole uno strumento di integrazione tra reti di scuole che condividono i docenti dell'organico funzionale, e attraverso di loro possono più facilmente costruire progettualità congiunte o condividere buone prassi.
26) - Integrazione verticale
Parte dei docenti dell'organico funzionale potranno essere impiegati per affrontare uno dei punti deboli del nostro sistema: gli snodi di passaggio, in particolare quelli tra scuola dell'infanzia e scuola elementare, e ancor più tra elementare e media e tra media e superiore.
27) - Laboratori del territorio
Oltre alle mura dell'edificio scolastico, i primi alleati saranno i "laboratori del territorio", pubblici e privati (come i Fab Lab e living labs, o ancora gli incubatori, ecc.), per cui prevedremo una strategia di accreditamento e una azione dedicata di "voucher innovativi" a valere su Fondi PON, ( cosa sono ?).
28) - Nucleo di valutazione
Il portafolio del docente (cioè?) è vagliato dal Nucleo di Valutazione interno di ogni scuola, a cui partecipa anche un membro esterno.
29) - Opening Up Education
Stiamo scommettendo sul fatto che la scuola abbia già in sé le soluzioni per il suo rinnovamento. In Europa questa visione si chiama "Opening Up Education",
30) - Paradigma informatico
Serve quindi un piano nazionale che consenta di introdurre il coding (la programmazione) nella scuola italiana. A partire dalla primaria: ......
31) - Piano di miglioramento
Ogni scuola avrà un "cruscotto" comune di riferimento grazie al quale individuare i propri punti di forza e di debolezza. ( come le automobili?)
32) - Portfolio del docente (Meglio " fascicolo personale " )
I crediti riconosciuti durante la carriera e il curriculum personale del docente arricchiscono poi il suo portfolio e sono inseriti in un registro pubblico, consultabile dai dirigenti scolastici,
33) - Quadro italiano di competenza dei docenti
Un gruppo di lavoro dedicato e composto da esperti del settore lavorerà per un periodo di tre mesi per formulare il quadro italiano di competenze dei docenti nei diversi stadi della loro carriera, ( dove stanno gli "esperti? ).
34) - Registro nazionale dei docenti (a cosa serve ?)
A cosa servirà questo registro? A molte cose: sarà navigabile dal personale amministrativo della scuola, per assolvere agli scopi della normale gestione del personale;
35) - Registro nazionale dei docenti ( Raccolta consultabile di dati professionali di tuto il personale)
Il registro sarà attivo a partire dall'anno scolastico 2015-2016 e offrirà le informazioni sulla professionalità (un portfolio ragionato) di tutti gli amministrativi, dirigenti, insegnanti, associato alla scuola in cui sono in servizio..
36) - Registro nazionale dei docenti  (sezione insegnanti)
La sezione di tale Registro relativa ai docenti avrà una funzione organizzativamente molto rilevante a partire dal prossimo anno scolastico: nel caso dei docenti reclutati come organico funzionale, il registro sarà infatti lo strumento che ogni scuola (o rete di scuole) utilizzerà per individuare i docenti che meglio rispondono al proprio piano di miglioramento e alle proprie esigenze..
37) - Scatti di competenza (attribuzione)
Nel corso del proprio lavoro a scuola, in classe e fuori dalla classe, il docente matura dei crediti didattici, professionali, e formativi. Periodicamente, ogni 3 anni, due terzi (66%) di tutti i docenti di ogni scuola (o rete di scuole) avranno diritto ad uno scatto di retribuzione.
38) - Scatti di competenza (importo)
Per un professore di scuola secondaria di II grado il valore di ogni scatto triennale potrebbe essere di circa 60 euro netti al mese;
39) - Scatti di competenza (progressione che dovrebbe ripristinare gli ex ispettori scolastici)
Ad ogni docente sarà riconosciuto, come già avviene oggi, uno stipendio base. Questo stipendio base potrà essere integrato nel corso degli anni in due modi, complementari e cumulabili: 1. il primo modo sarà strutturale e stabile, grazie a scatti di retribuzione periodici (ogni 3 anni) – chiamati "scatti di competenza" – legati all'impegno e alla qualità del proprio lavoro;
40) - School Bonus
Lo School Bonus è un bonus fiscale per un portafoglio di investimenti privati (da parte di cittadini, associazioni, fondazioni, imprese) nella scuola. (vuole sollecitare l' impegno sociale di privat prevedendo benefici fiscalii)
41) - School Guarantee
È mirato a premiare in maniera più marcata l'investimento nella scuola che crea occupazione giovanile
42) - Servizio civile per la Buona Scuola
Vogliamo definire un piano di "Servizio civile per la Buona Scuola", creando un sistema di incentivi "leggeri" (come crediti formativi per studenti universitari) e liste di formatori per l'accreditamento di individui all'attività volontaria nella scuola.

Fonte del testo: http://www.tuttoscuola.com/ts_news_648-1.doc