IL CONGELATORE : SIMBOLO DI ABBONDANZA CHE ORA "DECRESCE", SI SVUOTERA' CON LA CRISI?

Pubblichiamo il secondo intervento poetico con cui la maestra Mara Seccia ha osservato e scritto , con l'intuibile intento di smitizzare la presenza e la funzione esagerata di un elettrodomestico come testimone di benessere e possibilità consumistica di molte famiglie.
La sceneggiata dialettale di Carmelina è piacevole e stimola la riflessione sul senso della vita familiare in evoluzione. Il testo è un po' lungo , e purtroppo non è divisibile come il precedente sui pensionati giovanili, però si fa leggere senza annoiare. Speriamo di fare cosa gradita anche agli abruzzesi fuori regione, in attesa della terza riflessione : "La mamma del 2000".

 CARMELINE E LU CUNGILATORE
 CARMELINA E IL CONGELATORE

Jì cucine e cungele.
               Io cucino e congelo
Lu cungilator'amì è strapiene
               Il mio congelatore è strapieno
di antipaste, pranze e cene.
              di antipasti, pranzi e cene.
Cucuccelle e scarciufinitte
               Zucchine e carciofini
le facce 'ndurate e fritte,
               li cucino impanati con uovo e fritti,
pipindune e mulignane grigliate,
               peperoni e mulignane grigliate.
li cutulette 'mpanate, li 'licette marinate.
              Cotolette impanate, le alici marinate.
Li filette di platesse, cotte o crude,
              I filetti di platesse, cotti o crudi,
a la carte argintate l'abbirrute.
              alla carta argentata io li avvolgo.
Nche cuke ci cungele pure li sughe.
              Con cuki ci congelo pure i sughi
Che pozze fa'? Só prudente.
              Che ci posso fare? Sono prudente
S'avessa minì na guerre o na carastije,
              Se dovesse scoppiare una guerra
              o sopraggiungere una carestia,
 jì tinghe pronte di tutte, pure nu cunije.
              io ho pronto ogni ben di Dio, pure un conoglio.
Quande stinghe pe la strade tilefone a la case

             Quando mi trovo per strada ( telefono) :
"Pronte, la fij'amì da lu cungilatore
             " Pronto ? , figlia mia dal congelatore
li pallotte cacce fore".
             Caccia le polpette
Arvaje, l'insacche a lu microonde,
             Rientro, le metto nel microonde,
ddù felle di pane onte, e vie! E' subbite pronte.
             due fette di pane unto e via ! Ed è subito pronto
Che cumudità! Jì nin me pozze arparà a cungilà,
             Che comodità ! Io non smetto mai di congelare,
mi ci-à minute gne na passione,
             mi ci è venuta una passione,
la rrobbe s'ammantè acuscì bbone
            la roba si mantiene così bene
che lu ciabbotte pare appena cotte.
            che  il ciabotto ( di ortaggi vari) sembra appena cotto!
Giuvannine artorne da l'uffice,
           Giovannino ritorna dall' ufficio,
spiranzose mi dice: "Amò so' filice,
            speranzoso mi dice : " Amore sono felice
'sse bbelle faciulitte me le magne mò?"
            questi bei fagiolini me li mangio ora?"
"Vù sghirzà? Te le migne stu 'mberne
           "Vuoi scherzare? Li mangerai in inverno,
quande li faciulitte nin ze venne,
           quando i fagiolini non si vendono!
gna fusse na primizia, nu sfizzio".
          Come se fosse una primizia, uno sfizio "
Giuvannine s'intristisce, la mudirnità nnì capisce.
          Giovannino s'intristisce, la modernità non la capisce.
Suspire:"Mammà, 'm-prima jurne, all'orte
          Sospira:"Mamma mia di primo mattino, nell' orto
di brucculitte 'mbusse di guazze, n'arcujeve na sporte
          di broccoletti bagnati di rugiada, ne coglieva una cesta
e dentre a la firsore le strascineve, frische frische!
          E nella padella di coceva gia conditi, freschi freschi !
Che 'ddore, che sapore! La case s'ardicrijeve...
          Che odore, che sapore ! La casa si rallegrava...
Tireve lu colle a nu pollastrelle
          Tirava il collo ad un polletto
che fineve li jurn' asù tra li patanelle...
          che finiva i suoi giorni insieme alle patate.
Che timbe! Ogne cibbarie cucinate e magnate!
          Che tempi...Ogni cibo cucinato e mangiato".
Mamm'amì addò stî?"
          Mamma mia dove sei?
"No, Giuvannì, n ti scuraggì.
         "No Giovannino, non ti scoraggiare
Li brucculitt' amì só cchiù che frische,
          i miei broccoletti sono più che freschi
dentre a lu piatte mò te le mette,
          adesso te li metto nel piatto,
tò, le só cungilate a lu '97!
           Tieni , li ho congelati nel 1997 !
E stu pette di polle a lu '88 le só cotte.
            E questo petto di pollo l' ho cotto nell' 88.
È na rarità! Magne, magne tranquille
            E' una rarità ! Mangia, mangia tranquillo
picchè allore n-ge steve la 'mbluenze di li cille!
            Perché allora non c'era l' influenza degli uccelli !
Assaggele su, ca t'arcorde la giuvintù.
           Assaggiali da, ti ricorderanno la gioventù
"Dije, Carmelì, lu stommeche nin me le vò cchiù..."
           " Oddio, Carmelì, il mio stomaco non li vuole più".
Chist'ommene è probbie antiquariate,
           Quet'uomo è proprio un antiquario,
nní vò capì ca li prodotte cungelate
           non vol capire che i prodotti congelati
cchiù só datate, cchiù só prilibbate,
           più sono vecchi , più sono prelibati,
frollate, staggiunate, sti-ri-li-zza-te.
           frollati, stagionati, ste-ri-li-zza-ti.
Li virdure foje pe foje jì le cungele,
           Le verdure le congelo foglia per foglia,
senza ciammarichelle, né file di capelle.
           Senza lumachine in mezzo , né fili di capelli.
Ce só pijate na manette!
           Ci ho preso una mano!
Affile tutte li scattelette,
           Metto in fila tutte lebustine,
li bicchijrine plastificate a seconde di la date.
           I bicchierini plastificati in ordine di data
Sopre só cummidate quille da lu '80 a lu '90,
           Sopra ho sistemato quelli dal 1980 al 1990,
'mmezze da lu '91 a lu 2001,
           in mezzo quelli dal '91 al 2001
sotte da lu 2002 in poi, e queste che sta jù
           sotto, dal 2002 in poi, e questi che stanno in fondo
nin ze tocche, è robba recente,
           non si toccano, è roba recente,
s'adà firnì prime quelle di lu novecente!
          Si devono consumare prima quelli del 900!
A Natale otte chile di cardone só 'llissate
           Prima di Natale ho lessato otto chili di cardone
e dentre a li vaschette le tinghe cunsirvate.
            E me li tengo conservati dentro le vaschette.
"Ma allore a Natale di mò c'aveme magnate?"
            " Ma allora a Natale di quest'anno cosa abbiamo mangiato?"
Mariteme m'à 'ddummannate.
            Mi ha chiesto mio marito.
"Quelle c'avè 'llissate dicianne fa
            "Quelli che aveva cotto 10 anni fa
la benett'alme di mammà".
             La buon' anima di mammà".
Jì só na donne pratiche, nghe li pite n-terre,
             Io sono una donna pratica, con i piedi per terra,
nin vaje arrete a li sugne, a li poesije, a li mattità,
             non corro dietro ai sogni, alle poesie, alle pazzità,
jì penze a lu future, jì voje sta sicure.
            Penso al futuro , e voglio stare tranquilla.
Giuvannine n-ze n'arndenne,
            Giovannino non se ne intende,
s'assette a la tavole quase piagnenne:
             si siede al tavolo quasi piangendo:
"Carmelì, la pelle mi s'arricce,
            "Carmelì, la pelle mi si aggrinza,
lu sgombre 'mbirate mò archicce,
             adesso ricacci lo sgombro rigido,
li fuje 'ntustate, lu vitelle assidirate,
           i cavoli irrigiditi, il vitello assiderato,
li bucille 'ntirizzite, li patane 'mpijetrite,
              i piselli intirizziti, le patate impietrite,
li crispelle cristallizzate,
              le crepes cristallizzate,
lu filuncine jacciate di pane,
              il filoncino di pane ghiaciato
li tortelle di Giovanne Rane,
              i tortellini di Giopvanni Rana
quattro salte in padelle,
              e quattro salti in padella,
Carmelì mi s' î 'vvilinate li videlle!
              Carmelina mi hai avvelenato le budella!
cridime, te le giure, jì me so' gnilite,
              Credimi, te lo giuro , sono diventato freddo,
me só cungilate da cape a 'ppite,
              mi sono congelato dalla testa ai pedi.
dentre e fore ormaje só nu jacciole!"
              ormai sono un ghiacciolo dentro e fuori !"
Jì nin me la pije, jì surride, nu jurne me ringraziarà!
             Io non me la prendo, sorrido , un giorno mi ringrazierà!
Dulcis in findus ogge scungele chile ddù bocconotte
             Per concludere in dolcezza oggi scongelo quei due bocconotti
che m'argalò mia cognate Carlotte a lu '92,
            che mi regalò mia cognata Carlotta nel 1992,
a lu 2002 la puvirelle s'à morte, pace all'anim' asù!
            Nel 2002 , poverina , è morta, pace all' anima sua !

Mara Seccia